Hotels Umbria: hotel, alberghi, centri benessere, agriturismi, relais, residenze d'epoca e ville, Country House e Case Vacanza

Hotel in Umbria / Alberghi

Mappa Umbria

Dove Alloggiare

Scoprire l'Umbria

Tutte le Offerte

Offerte Last Minute

Offerte Last Minute

MAILING LIST

Iscriviti per ricevere OFFERTE e LAST MINUTE

E-mail

Tours Club


 Subscribe in a reader


Banner Pubblicitari Hotelinumbria

Ita.Hotel in Umbria - Versione Italiana Eng.Umbria Hotels - English Version

Migliore Tariffa Garantita

Pacchetti Offerte

Offerte week-end

Last Minute Umbria

Offerte Eventi

Ferragosto

Offerte Ferragosto in Umbria 2017

Estate 2017

Offerte Estate 2017

Offerte Mensili

Offerte Agosto

Offerte Settembre

Offerte Ottobre

Prossimi eventi

Offerte Agosto Montefalchese 2017 Offerte Quintana di Foligno 2017 Offerte I Primi D'Italia 2017 Musei in Umbria Parchi Naturali in Umbria

Informazioni

Informazioni Turistiche in Umbria

Rafting in Umbria

Area albergatore

Inserisci struttura

Servizi hotel

Siti Web Low Cost

Travel Partners

Links 1 - 2 - 3 - 4

Scambio Link

Offerte Messico

Offerte Messico

TextradTextrad

MCS - Art InventorMadeleine Chartrand Sperlich - Art inventor

Arte e Artigianato a Gubbio

Arte e Artigianato a Gubbio (PG) Nella città  di Gubbio l'artigianato è un'attività  fiorente e qualificata, una presenza significativa che affonda le sue radici nelle antiche Corporazioni delle Arti e Mestieri. Tra le attività  artigianali attestate a Gubbio, particolare rilievo rivestono le lavorazioni della ceramica, del ferro, del legno, della pelle e del gesso.
La ceramica, ebbe grande sviluppo a cavallo tra il XV e il XVI secolo, in concomitanza con l'attività  delle botteghe del celebre lustratore Mastro Giorgio Andreoli e di altri figuli locali meno noti. Dopo la seconda guerra mondiale e fino agli anni Sessanta, particolare successo ha riscosso in Gubbio la maiolica decorata a "fiorato", su fondo bianco o patinato, che via via diventa sempre più esclusiva rispetto a quella recante altri ornati di stampo tradizionale. Accanto al "fiorato" si sviluppa anche la lavorazione dei buccheri, lucidati e poi decorati a graffito o con smalti policromi e con oro. Poco più tardi inizia la produzione di tipologie come la "zaffera" (il blu cobalto) a rilievo o di ceramiche con altri ornati d'ispirazione medioevale.
Vicende analoghe si registrano per la lavorazione del ferro battuto. I fabbri eugubini dell'ultimo cinquantennio hanno seguito la via tracciata dalle botteghe locali operanti tra le due guerre, consistente in una rivisitazione della tradizione locale alla luce di una sensibilità  già  in buona parte moderna. Questo particolare recupero del passato con suggestioni Art Nouveau e Art Decò, è stato ereditato dagli artigiani attuali che, accanto ad alcuni tentativi di innovazione, mostrano una predilezione per forme e decori di chiara ispirazione storicistica, contraddistinti nelle opere più rappresentative da riusciti tentativi di infondere leggerezza ed eleganza alla pesantezza propria del metallo. Ai tradizionali lavori in ferro battuto si è aggiunta di recente la produzione di armature ed armi antiche, alcune delle quali (balestre, mazze, alabarde) realizzate in ferro ed in legno.
Per quanto riguarda il legno, negli anni Cinquanta erano ancora attive in Gubbio fabbriche e botteghe orientate verso una produzione di mobili d'ispirazione rinascimentale. Tradizione - specie quella dell'intaglio "“ perpetuatasi grazie all'opera di abili artigiani locali e supportata dalla presenza di maestri forestieri nonchà© da modelli e da disegni di estrazione prevalentemente romana. L'arte del legno è ancora viva in Gubbio, ed esercitata da valenti falegnami, intagliatori, decoratori e restauratori. A questo settore si affianca oggi quello del restauro del mobile antico, alla cui promozione hanno contribuito anche gli specifici corsi organizzati dal locale Istituto Statale d'Arte.
Altre attività  artigianali riguardano la lavorazione della pelle e del gesso. Ogni artigiano è orgoglioso del suo lavoro e questo è più evidente nei registri e nelle agende rilegati in cuoio. Nel Medioevo, nei principali Comuni italiani ,gli artigiani e coloro che effettuavano lo stesso mestiere si associavano in Corporazioni. Queste come risulta dai primi documenti risalenti al 1186, erano molto importanti per la Città . L'Ars Cerdonum a cui aderivano coloro i quali lavoravano le pelli per farne abiti, scarpe, stivali, cinte, guanti, ricopertura di libri o schienali di seggiole era tra le più potenti della città  di Gubbio tanto che fu rappresentata dai propri capitani sino alla fine del XVIII secolo. E da questa tradizione che prendono origine i laboratori presenti sul territorio, le cui creazioni vengono apprezzare per l'elevata qualità .
L'arte dello stucco e del gesso, che ha lasciato sin dal Cinquecento splendidi esempi negli interni di chiese e palazzi, ha ispirato l'attività  della botteghe d'arte per lo stucco. Attraverso i calchi d'arte si ripropongono opere caratteristiche in un gusto che le mode non hanno dissolto. Non troverete mai due pezzi perfettamente uguali; le differenze sono l'inconfondibile sapore dell'artigianato autentico. Dallo studio necessario per il corretto restauro di antichi gessi si recuperano tecniche e manualità  che vengono impiegate nelle nuove produzioni. Affinchè la produzione non risulti fredda copia, le lavorazioni di finitura, come marmorizzanzioni, dorature a foglia, patine antichizzanti; la manualità  rende ogni manufatto un pezzo unico. Si può decorare la casa per arricchirla di storia e di cultura con un tripudio di forme e colori.

Elenco dell' Arte e Artigianato in Umbria